Fw

Wordpress Creative Developer

Freelance o Web Agency – Il Cliente Chi Dovrebbe Scegliere?

  • Vita Da Freelance
  • -

Secondo appuntamento con la rubrica vita da freelance, e oggi voglio condividere con te un pensiero che mi è venuto in questi giorni.

Il cliente perchè dovrebbe scegliere un web designer freelance invece che una web agency?

Freelance o Web Agency?

E’ doverosa una premessa: io stesso collaboro con web agency e questo pensiero lo faccio sulla base di quello che significa per me essere freelance, sulle esperienze fatte in passato in alcune web agency e sul confronto con altre persone che lavorano in web agency.

Io cliente voglio realizzare un sito per la mia piccola/media impresa e mi ritrovo a dover scegliere tra un  freelance e una web agency. Mi rivolgo ad entrambe le realtà e ricevo dei preventivi: ora cosa scelgo?

Aiutiamo il cliente a far capire perchè dovrebbe scegliere un freelance.

Passione

La passione del freelance

Se non si ha la passione per questo lavoro è difficile creare qualcosa di innovativo e che soddisfi il cliente. E chi è freelance ha fatto questa scelta proprio per passione, perchè ama questo lavoro.

In una web agency, se l’ambiente non è sempre stimolante dopo un po’ si lavora perchè si deve e non perchè si vuole. I ritmi sono più alti e un web designer si può trovare a lavorare a più siti in un giorno e quindi probabilmente non riesce a metterci sempre la stessa passione.

Prezzo

Il freelance costa meno

A parità di qualità, un freelance costa meno. Il freelance lavora in camera sua, in bar, nel parco, dove vuole, senza aver alcun tipo di spesa come luce, gas, dipendenti, al contrario di una web agency.

Quindi il preventivo del freelance sarà inferiore a una web agency, a meno che quest’ultima non si svenda.

Aggiornamento

Il freelance può aggiornarsi più facilmente

Il freelance può gestirsi il tempo come preferisce, e quindi organizzarsi anche in modo da ritagliare uno spazio nella giornata dove aggiornarsi e quindi migliorare.

In una web agency, il web designer lavora per 8 ore, magari abita a mezz’ora di distanza dalla sede e di conseguenza arriva tardi a casa, deve cenare e poi? chi ha più voglia di aggiornarsi? e se oltretutto l’ambiente dove lavora non lo stimola chi glielo fa fare?

L’unica strada è che sia la web agency ad organizzare dei corsi di aggiornamento, ma costano e non tutte se lo possono permettere e non tutte hanno la voglia di investire.

Libertà di scelta

Libero si scegliere i clienti

Il freelance può scegliere quali lavori prendere e quali no. Decidere quali lo appassionano e quindi metterci tutto se stesso, e quali invece non lo esaltano. E soprattutto può gestire la mole di lavoro in modo da mantenere sempre la qualità alta.

Al contrario in una web agency, come accennato in precedenza, il web designer è costretto a lavorare ai siti che gli vengono assegnati.

Questi sono i motivi che mi sono venuti in mente del perchè un cliente dovrebbe scegliere un web designer freelance e non una web agency. E tu cosa ne pensi?

A te la parola

Foto credits
© Maxfx – Fotolia.com
© Hapal – Flickr.com
© Donbuciak– Flickr.com
© Wasabicube – Flickr.com
© Lodge28 – Flickr.com

20 Commenti

  1. Penso che, come sempre, quando si tratta l’argomento la visione sia sempre distorta o meglio approssimativa.
    Si parte dal presupposto che le aziende siano tutte uguali, che i freelance siano tutti uguali, che se uno è freelance è più bravo.
    Non è così. La generalizzazione induce sempre all’errore e il fare leva sulla passione e sul fatto che il freelance abbia possibilità di scelta mentre in azienda no ho una delle più grandi bugie che si vogliono far passare.

    Insomma…dipende dal Freelance, dipende dall’Azienda e molto spesso dipende dal Cliente.

    • Ciao Andrea e benvenuto nel blog 😉

      Se leggi bene non ho mai parlato di bravura nell’articolo quindi non ho che un freelance é piú bravo di una web agency.

      Ho scritto questo articolo proprio perché ho lavorato in web agency, ho fatto colloqui in altre, collaboro e sono in contatto con diversi freelance e la differenza si vede eccome.

      • Ciao Fede,

        lo so non c’è scritto, ma diciamo che leggendo tra le righe si evince 🙂

        La tua frase del commento ne è un po’ la conferma. Di che differenza parli ? Anche io sono Freelance, ma non solo…quindi di sicuro non sono qui a difendere nessuno, ma il punto di vista è solitamente univoco e privo di esempi quando si tratta l’argomento. Diciamo che non è un commento critico nei tuoi confronti, ma un mio pensiero sull’argomento e sul modo in cui viene trattato.

      • Parlo delle facce, del tono di voce, dai sorrisi, che ho visto nelle web agency dove sono stato e di quelle che vedo nei freelance.

        Poi ovvio ci sono le web agency che fanno eccezione e dove ho anche avuto la fortuna di collaborare, come in H-Farm (la chiamano la Google Italiana) e li si che è l’ambiente è il meglio che un web designer possa trovare.

  2. Bell’articolo, io penso che hai perfettamente ragione, sono un freelance e come tale condivido pienamente quello che hai scritto. Spero di continuare così, è molto bello e gratificante (fino ad ora).

    • Ciao Alessandro e benvenuto nel blog 😉

      Tu hai vissuto anche l’esperienza da dipendente? oltre che da freelance?

      • Grazie del benvenuto. No sono “sempre” stato freelance (sto finendo l’università e nel frattempo ho aperto P.IVA) ma sono convinto nel fare questo lavoro perché mi piace, da parecchie soddisfazioni e ti permette di rimanere aggiornato in modo totalmente autonomo, senza dover rendere conto a nessuno di quello che fai. Inoltre vorrei riuscire ad aprire una web agency mia, chissà se un giorno…

  3. Concordo con Andrea più sopra.
    Sappiamo benissimo (oppure facciamo a finta di non saperlo?) che le agenzie non sono tutte uguali. Se parlassimo invece di una agenzia composta da 2/3 webdesigner o esperti web appassionati che si sono trovati ed hanno deciso di foondersi? Il tuo discorso non reggerebbe. Le agenzie sono fatte di persone e non di macchine. Dimentichi questo. Perdona la polemica ma mi sembra il classico post auto-celebrativo del freelance! Scusa la simil-polemica!
    Ciao

    • Ciao Daniele e benvenuto nel blog 😉

      Leggi il commento che ho scritto sopra ad Andrea.

      Non ti preoccupare per la “polemica”, ho scritto questo articolo proprio per confrontarmi e sentire le opinioni di altre persone del settore. Quello che ho scritto io è un mio pensiero che può essere più o meno condiviso.

      E’ vero quello che dici, che le agenzie non sono fatte di macchine. Io non parlo delle persone che ci lavorano, ma dell’ambiente nel quale si trovano a lavorare.

      • Ciao fede, allora forse confrontarle sotto quell’aspetto è un po riduttivo! Ad ogni modo capisco quello che vuoi dire, volevo spostare un po’ lago della bilancia sulle Agenzie, non che io voglia difenderle, ma almeno poterle confrontare le due realtà ad armi pari. 🙂

        Buona giornata
        Ciao

  4. Ma che ci prendiamo in giro ? Sapete nel mondo IT quanti soldi girano ? se ,la società xxx ha bisogno di un sito web e ha a disposizione un tot budget (spesso assai ricco), lo da ad una web agency che restituisce una parte alla persona che li ha scelti come tangente e il povero web designer di tutti questi soldi ne vedrà solo una piccolissima parte…
    Capisco figure + elevate, ma un web designer freelance che lavora mi stupisce enormemente…
    Lavoro da 10 anni nel mondo dell’IT e troppe ne ho viste…

    • Ciao Alex e benvenuto nel blog 😉

      Faccio capire a capire il tuo commento sinceramente. Che cosa intendi dire?

  5. Aiutiamo il cliente a far capire perchè NON dovrebbe scegliere un freelance:
    – qualità del lavoro mediamente più bassa (70% dei casi)
    – incosistenza della figura professionale (se il freelance fallisce, il cliente perde ogni riferimento tecnico con il creatore del suo progetto)
    – tempi di risposta mediamente più elevati in caso di aggiornamenti importanti e/o assistenza tecnica sui servizi di hosting ed e-business

    Ci sono, come sempre, le eccezioni. Pertanto in base al tipo di progetto da sviluppare, ci sono soluzioni più o meno valide.

    saluti

    • Rispondo ai tuoi punti di vista
      – Ovviamente si parla di Freelance professionisti, non il neofita che ha appena letto un post sull’html e si spaccia per l’esperto ammazzando la concorrenza con prezzi stracciati. Da un tipo così non si troverà mai la qualità.
      – Un Freelance regolarmente iscritto come libero professionista è dovuto a stilare un contratto così come una web agency quindi se il cliente non è soddisfatto sa a chi rivolgersi.
      – Come detto sopra, un Freelance che lavora solo come Freelance ha tutto il tempo che vuole per farti aggiornamenti ed assistenza. Ci vuole serietà nel rapporto con i clienti (e vale anche per il cliente ovviamente)

      Purtroppo bisogna lavorare molto sulla figura del Freelance e penso che sia fondamentale stringere rapporti di collaborazione con altri designer, sviluppatori, analisti seo… in modo da creare una rete di lavoro. In questo modo ci si potrà presentare come Freelance che potrà offrire gli stessi servizi di una web agency.

  6. Lavoro come freelance per varie web agency. A casa, in ciabatte, di giorno, di notte, quando e come voglio. A volte quando e come richiesto. Direi che se lavori con gente seria non fa differenza. A volte mi passano il cliente e riconosco il diritto di agenzia, a volte mi occupo solo di una parte (quella creativa) del lavoro e altri si occupano delle decodifiche. Non leggo nelle web agency un genere ostico o un concorrente che fa meglio o peggio di me, ma un’occasione di lavoro in più. 🙂

    • Ciao Roberta e benvenuta nel blog 😉

      Hai perfettamente ragione e infatti proprio tu hai sottolineato: se lavori con gente seria non fa differenza.

      Io stesso ho collaborato con web agency ed è stata un’esperienza bellissima proprio perchè erano gente seria 😉

  7. Salve a tutti, forse io sono la persona meno indicata tra voi per parlare 🙁
    In questo periodo da un lato ci son tante aziende che operan nel settore (ad alti prezzi a volte..), dall’altro ci sono anche ragazzini smanetoni che, in 10 minuti, fanno un sito per 4 soldi e quello per tante persone va bene.
    Io sto nel centro…non ho studiato ne per essere grafico ne per essere web designer o programmatore, ma solo spinto dalla passione per il pc. Mi diverto da anni oramai a costruire pagine web o simili, dalla grafica ai contenuti e persino loghi. Mi piacerebbe farlo di professione, ho chiesto perfino di essere una “spalla” a dei professionisti, tipo venditori hardware o grafici, ma tutt’oggi nisba (p.s.: sono ragioniere/operaio/falegname disoccupato). Siti veri e propri ne ho “piazzati” un paio (e un paio mi han dato cilecca ancora prima di finirli).
    I siti a me piace farli da zero, non uso CMS (tipo joomla), ho un vecchio dreamweaver, ma a volte uso pure notepad… Mi piace leggere su internet per accrescere le mie conoscienze. Da meno di un mese sto seguendo anche il mio primo (semplice) sito con wordpress (fatto per un’associazione), dove sto imparando anche li….
    Compliemti per questo sito, anche qua ci sarà da imparare di certo!

  8. Ciao Fede,
    mi spiace, sta volta non sono d’accordo, questa generalizzazione è moooolto superficiale e varrà solo per le aziende che hai visto TU.
    Io ho fatto 3 anni da freelance e ora lavoro in un’azienda che fa information technology a 360 gradi.
    L’unica verità è che le web agency hanno vita molto più breve e molto meno interessante rispetto a quelle che espandono i propri orizzonti.
    Lavorare sempre da freelance è un grave limite perché ti scontri solo con le cose che vedi tu, ti informi solo sul web (o alle conferenze di freelance :)) e soprattutto non cresci mai nè a livello di tecnologie nè a livello di esperienza. E poi scusami ma non credo che tu abbia mai visto un progetto come questo (motivi.it) o questo (atahotels.it) o come questo (187.it) quindi chi te lo fa fare di fare il sito del FALEGNAME sotto casa?

    Credi, io ormai ho 6 anni di esperienza nel mondo del lavoro, se vuoi crescere devi lavorare in team

  9. Salve a tutti innanzitutto !
    Premetto che io rispetto chiunque svolga un lavoro in modo professionale (anche in ciabatte da casa), il discorso di Fedeweb è secondo me relativo alla questione economica lasciando sottointeso che il lavoro deve essere eccellente in entrambi i casi (che si scelga una web agency o un freelance). Io realizzo siti web da circa 10 anni ed ho moltissimi clienti oramai “fidelizzati” il che mi sembra la cosa più importante ed il risultato migliore per chiunque faccia questo lavoro. Dalla mia esperienza ho potuto notare che moltissime web agency se ne approfittano (e l’ho constatato intervenendo in restyling o ottimizzazioni) chiedendo cifre esorbitanti a clienti totalmente disinformati sul mondo del web. Io generalmente sono onesto e chiaro nel senso che dico esattamente quali sono le spese ed i costi dei vari servizi che faccio comprare ai clienti, poi loro mi pagano la “mano d’opera”. tutto qui ! L’importante è che il cliente rimanga soddisfatto e guadagni grazie alle mie prestazioni… voi come la vedete ?

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *